Falsa malattia, agenti penitenziari condannati a 2 anni e dieci mesi

Immagini dell’indagini della Guardia di finanza sullo psichiatra Marco Bonetti


Pubblicato il 11/01/2018
Ultima modifica il 12/01/2018 alle ore 12:26
aosta

Settimana di malattia grazie a certificati medici falsi ottenuti pagando 50 euro lo psichiatra aostano Marco Bonetti: per questa accusa il tribunale ha condannato a 2 anni e 10 mesi di reclusione ciascuno dei due pazienti dello psichiatra finito ai domiciliari nel marzo 2017, un cinquantenne e un cinquantatreenne residenti in Valle, all’epoca dei fatti appartenenti alla polizia penitenziaria.  

 

I giudici hanno inoltre disposto «l’estinzione» del loro rapporto con l’amministrazione della giustizia. Erano accusati di falsità ideologica in concorso con il medico e di corruzione. Per la procura il cinquantenne aveva dato a Bonetti 50 euro nel dicembre 2016 per ottenere la falsa attestazione di una «ricaduta nello stato depressivo» con cui si era visto riconoscere 45 giorni di malattia «avendone già ottenuti precedenti 165». Nel novembre 2016 il suo collega, con la stessa somma, si era visto riconoscere un «disturbo depressivo ansioso progressivo» con la richiesta di «stato di malattia per tre mesi». 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno