D’Alema a Casale: “Manca solo che promettano che sarà tre volte Natale”

Arriva in anticipo per parlare con i rappresentanti delle vittime dell’amianto. Salutato con lunghi applausi

Il tavolo del dibattito con Massimo D’Alema intervistato da Monica Triglia


Pubblicato il 15/01/2018
Ultima modifica il 16/01/2018 alle ore 11:11
casale

Più persone che sedie, scelta democratica ma non utile. ettore Coppo già vice sindaco di Casale dà il via così all’incontro con Massimo D’Alema che è arrivato con mezz’ora di anticipo perché voleva incontrare i rappresentanti di Afeva. È la prima volta a Casale per i combattente della sinistra che avrebbe dovuto essere rottamato da Renzi e che adesso si ritrova sotto il cappello di Liberi e Uguali. Nella sala l’età media è piuttosto alta ma «si sa sono loro che vanno a votare, bisogna convicerli i giovani» dicono quei tanti che sono rimasti in piedi in fondo alla sala. 

 

 

 

È stato un Massimo D’Alema che ha parlato di povertà e spesa sanitaria, di integrazione di «barbari che parlano di razza bianca». Non ha mancato di citare le promesse elettorali di Berlusconi e «del suo giovane emulo» Renzi che per nome ha citato una volta solamente «manca solo che promettano che sarà tre volte Natale come nella canzone di Dalla». La nuova legge elettorale? «Funziona che voti la Bonino ed eleggi la Boschi: il partito grande ingloba quello piccolo».. La sala ha dispensato applausi, tra il pubblico molti politici casalesi e pochissimi alessandrini. Sabato sarà la volta di Pierluigi Bersani a Tortona.  

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno