Buongiorno

Razza bastarda


Pubblicato il 17/01/2018
Ultima modifica il 17/01/2018 alle ore 07:05

Premessa: non siamo tutti matti. Se, come ha scritto ieri Michele Serra, si tratta di difendere la società italiana o meglio occidentale da una mal governata immigrazione, è una santa battaglia: difendere la laicità da attacchi religiosi esterni, specie islamisti, ma anche difendere lo stato di diritto da spensierati e spericolati attacchi interni, e pluridecennali. Se invece si tratta di difendere una specificità italiana, etnica o razziale (scegliete voi il termine), beh, tanti auguri: potreste incontrare qualche leggerissima difficoltà.  

 

Gli italiani, infatti, sono un misto fra: liguri, etruschi, fenici, greci, celti, cartaginesi, galli, bizantini, vandali, ostrogoti, longobardi, franchi, saraceni, normanni, svevi, berberi, albanesi, austriaci, solo per elencare alcune delle etnie catalogate da Eupedia nella Genetic history of the italians. L’Italia è terra di immigrazioni e mescolamenti continui dal paleolitico fino al Settecento: un festival da tutta Europa, Nord Africa, Medio Oriente.  

 

Secondo gli studi di Giovanni Destro Bisol della Sapienza, e pubblicati sul Journal of Anthropological Sciences, l’Italia è nettamente il Paese più meticcio d’Europa: fra i germanofoni di Sappada e la comunità del Cadore, che abitano la stessa zona, ci sono differenze genetiche trenta volte superiori di quelle che intercorrono fra portoghesi e ungheresi, per fare un solo esempio. 

 

Insomma, se abbiamo una razza, nessuno si offenda, è una gran razza bastarda. Forse per questo eravamo dei disordinatissimi geni, prima di un più recente rimbambimento.  

home

home

Gli ultimi editoriali
Gli ultimi Buongiorno
Mattia Feltri

Mattia Feltri

Mattia Feltri

Mattia Feltri

Mattia Feltri

Mattia Feltri